Livestyle&Gourmet

BIEN VIVRE

AI TEMPI DELLA PANDEMIA

Diciamo la verità, se c’è una cosa che questa pandemia ci ha insegnato, è rimettere in discussione le nostre vite, rivedere le priorità di ognuno di noi, e soprattutto tornare ad apprezzare ciò che fino a ieri avevamo quasi dimenticato. Proprio da queste considerazioni hanno voluto ripartire Fabio Acampora e i fratelli Alejandro e Sebastian Bernardez, fondatori della Dorrego Company, società che gestisce alcuni dei locali più famosi di Milano, a partire dai quattro ristoranti argentini El Porteño, tornando a valorizzare quei valori e quelle atmosfere che da sempre sono state apprezzate dai loro clienti, e che oggi più che mai rappresentano la risposta più sincera e diretta per riappropriarci poco alla volta delle nostre vite. Sono dunque la cura per il dettaglio, il vivere la tavola e la cucina come un’arte intima da condividere con le persone a noi più care, gli ingredienti principali della nostra ripartenza. Oggi abbiamo capito che i veri lussi sono quelli di una volta, quelli che i nostri genitori e i nostri nonni ci hanno insegnato e giorno dopo giorno cercato di rendere sempre più importanti e unici. Lontani dal mondo del solo apparire ma vicini al mondo dell’essere. Fabio Acampora: “Dopo aver vissuto qualcosa di molto simile a un incubo, ci siamo guardati in faccia e siamo giunti alla conclusione che l’unica formula che poteva aiutarci era tornare a riabbracciare i nostri clienti e amici con le stesse modalità di prima, ovvero quell’attenzione alle piccole cose che ci sono state sempre riconosciute e che hanno trasformato i nostri ristoranti in una seconda casa dove venire a trascorrere una serata in totale spensieratezza, accolti come ospiti e non come clienti. ” Aggiungono Alejandro e Sebastian Bernardez:

“Pensiamo che anche in tempi di austerità e crisi la cultura del Bien Vivre possa rilanciarsi proprio dalla cultura della tavola, che non passa mai di moda e dove ogni giorno, a ogni latitudine e longitudine, le persone si ritrovano per parlare e riscoprirsi.

Se prima il lusso significava ostentare e ricercare benesseri materiali, tutto questo oggi ha perso di valore, non ha più senso, e senza volerlo abbiamo riscoperto la necessità di bisogni più profondi, che nessun oggetto ci può offrire, ma che può arrivarci solo dai rapporti sociali sinceri che abbiamo stretto negli anni con le persone a noi più vicine e dalle situazioni di quotidiana semplicità.” Ancora Fabio Acampora: “la ricerca del dettaglio, attraverso la nostra cucina, il nostro stile e il nostro modo di essere si riflette ogni giorno nel nostro lavoro. I nostri clienti hanno sempre riconosciuto di sentire qualcosa di speciale quando varcavano le soglie dei nostri ristoranti e che si racchiude in un solo concetto, Bien Vivre. Ecco perchè oggi più di ieri vogliamo che nulla cambi, anzi che quella magica atmosfera continui a riempire ed avvolgere i nostri locali..” La ricerca del lusso si trasforma nel ritorno alla libertà e si apre a soluzioni inaspettate. Per la Dorrego Company la strada per la ripartenza pare dunque tracciata, perchè, tutti noi abbiamo bisogno degli altri, di stare con loro e in mezzo a loro e di avere la libertà di farlo. In questo tempo “sospeso” abbiamo riscoperto il lato più profondo di noi stessi. Abbiamo capito che sentirsi liberi è un lusso, e che andare al ristorante non deve essere solo una necessità, ma soprattutto una scelta di libertà che ci fa stare bene; esattamente come a casa nostra, godendo di atmosfere, di materie prime di altissimo livello e di tanta attenzione che è quanto di cui abbiamo bisogno ORA.

By Giovanna Repossi

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.