Tema Centrale

Milano wine week 2021

Sin dalla prima edizione, la manifestazione coinvolge centinaia di aziende e produttori, numerosissimi locali tra ristoranti, enoteche, wine bar e altre venues cittadine – influenti protagonisti del mondo dell’enologia, della ristorazione e della cucina, oltre che un vasto pubblico di operatori di settore e wine lovers, mettendo a sistema le eccellenze italiane con l’obiettivo comune di promuovere e valorizzare questo importante settore del Made in Italy.

Nel corso di questa edizione ho avuto il privilegio di partecipare a due interessanti Masterclass; la prima organizzata da Casa Vinicola Sartori e la seconda dal Consorzio Vino Chianti.

Il tema della Masterclass della Casa vinicola Sartori era “La Valpolicella di Casa Vinicola Sartori, tra zona Classica e zona Orientale” e vedeva come relatori due grandi personalità del mondo del vino: Andrea Sartori Presidente di Casa Vinicola Sartori di Verona e lo stimato enologo Franco Bernabei.

Dopo un interessante viaggio condotto da Andrea Sartori alla scoperta della Casa Vinicola Sartori di Verona con i suoi oltre cento anni di storia, della cantina e ovviamente delle produzioni, assieme all’enologo Franco Bernabei ci siamo immersi nella degustazione dei sei vini proposti.

Tutti i vini degustati presentano una grande struttura che garantiscono un’ottima longevità e “salinità”, particolarità emersa nel corso della degustazione e caratteristica di tutti i vini di Casa Vinicola Sartori.

Nell’ultima giornata della Milano Wine Week 2021, ho vissuto una giornata dedicata al vino Chianti e il primo appuntamento in programma era una interessantissima Masterclass, il cui tema era “Il Chianti Superiore D.O.C.G.: l’energia e la versatilità del Sangiovese, in una inedita degustazione verticale 2019 -2012” e vedeva come relatore Luca Alves, Chianti Wine Ambassador.

Dopo un interessante viaggio condotto da Luca alla scoperta del Chianti e delle sue zone di produzione, ci siamo immersi nella degustazione verticale effettuata in modalità “blind tasting” con sette Chianti Superiore proposti.

E’ stata una degustazione molto interessante e soprattutto molto formativa, durante la quale abbiamo potuto notare le varie differenze del Chianti Superiore sia in relazione alle sue zone di produzione, sia alle varie annate. La degustazione si è tenuta anche in collegamento con le città di Mosca, Shanghai, Shenzhen, Hong Kong e Tokyo. A seguire ci siamo trasferiti presso il “Chianti lovers District” sui Navigli per un’inedita degustazione sul battello “Chianti Lovers Boat”. La degustazione prevedeva l’assaggio di quattro vini: due Chianti D.O.C.G. “annata”, un Chianti Superiore D.O.C.G. e un Chianti D.O.C.G. Riserva, abbinati a degli ottimi formaggi e salumi ed è stata condotta da Luca Alves.

By Nicola Di Nunzio

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.