Tema Centrale

STARBUCKS RESERVE NEW YORK ROASTERY

Il Meatpacking District era una zona con ferrovie industriali arrugginite piene di odori rancidi e angoli ombrosi,le strade erano pavimentate con sanpietrini, e non sarebbe stato saggio restare in quel quartiere dopo il tramonto.Non più. Grazie anche al recente completamento dei lavori di ristrutturazione dell’intersezione principale tra la nona Avenue e la 13esima strada ovest, ora il Meatpacking è uno dei più trendy e più eleganti zone della città.Alberghi, ristoranti raffinati, spazi per uffici, negozi di design,gallerie d’arte, il nuovo Whitney Museum, l’Apple Store, le iconiche boutique dei designer, negozi di design raffinato, unaSOHO House e ora, la ciliegina sulla torta, una Starbucks Re-serve Roastery.

Più appropriatamente, il primo Starbucks Reserve Roastery di sempre al mondo che la storica azienda di caffè con sede a Seattle ha aperto nel 2018, seguito poi da uno a Milano,Chicago e Shanghai.

Il progetto a New York è stato il primo del suo genere da quando l’azienda ha deciso di deviare dalla sua politica tradizionale di saturare il territorio con il maggior numero di negozi possibile, verso una direzione più sobria e responsabile. Quest’ultima prevede un numero inferiore di negozi, ma un numero maggiore di punti di riferimento nei quartieri iconici delle principali città del mondo, spazi restituiti alle comunità locali in modo che possano goderne e utilizzarli. È davvero affascinante, infatti, vedere come il negozio di New York sia diventato quasi immediatamente il luogo di ritrovo più popolare per le persone che vivono, lavorano o visitano la zona: un altro grande esempio di come la vita sociale e l’interazione si svolgono nel Grande Mela.La location offre una moltitudine di esperienze per tutti i gusti e le preferenze: un bar principale con tutte le caratteristiche distintive del tradizionale menu Starbucks, un bar esperienziale per migliorare un’avventura sensoriale, un barra sfuso dove puoi scegliere e personalizzare la tua borsa chicchi di caffè tostato, ‘Arriviamo Bar’ che presenta cocktail e bevande d’autore, e Princi dove si possono gustare pizze, dolci e pane artigianali realizzati con cura e competenza italiane.È sempre affascinante vedere come si sviluppa il rapporto tra la Città e il suo popolo attorno a questi hub comuni: sembra che quando è necessario uno spazio come questo, alla fine si realizzi e l’incredibile “meltin’ pot ” di New York, trova un altro modo per essere mischiato.

By Joseph Ralph Fraia

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.