Spirits&Cigars

Cucchiaino d’argento ed altre letture

Ognuno di noi ha le sue liste di libri che ritiene importanti, quelli che hanno segnato in qualche modo la sua crescita intellettuale e sono stati fondamentali per la sua formazione o semplicemente quelli che nel corso dell’anno gli sono piaciuti di più tenendolo alzato fino a tarda notte, per vedere come va a finire.

Anche io ho le mie, mi piace la narrativa, la letteratura noir ma anche la gastronomia. Ecco di seguito i titoli che in questi mesi di lock-down e di riapertura, mi hanno maggiormente entusiasmato e il più delle volte hanno reso la mia giornata, una splendida giornata. Quando la temperatura comincia ad abbassarsi e cadono le prime foglie, non c’è niente di meglio di un buon libro,saprà essere il migliore dei compagni di viaggio con cui trascorrerei momenti liberi che ci rimangono al termine delle nostre frenetiche giornate. Un bel respiro e poi divano, pannettino e magari caldarroste, per goderci il meritato relax, progettando cene, ideando piatti, pensando a qualche occasione in cui rimettere la tavola al centro attraverso ricette vecchie e nuove, da eseguire alla lettera o da interpretare, senza per questo dimenticare la piacevolezza di una cena fuori casa, andando alla scoperta di una trattoria tipica, di un’enoteca o di un ristorante gourmet.

I primi 70 anni del Cucchiaio d’Argento

Torna in libreria la bibbia dei gastronomi e delle rezdore 3.0, un unicum nel panorama editoriale italiano con all’attivo ben 11 edizioni festeggiate con un’edizione speciale che ne celebra i primi 70 anni. Era il 1950 quando grazie all’intuito dell’editore Gianni Mazzocchi nasceva il primo Cucchiaio d’Argento, una prima edizione oggi divenuta un testo cult di difficilissima reperibilità, che rivive in una nuova release riveduta e corretta con gli abbinamenti enologici di Stefano Caffarri e 2000 ricette di cui210 inedite distribuite in 15 aree tematiche. Sempre più prezioso il nuovo Cucchiaio è blu, come le prime quattro edizioni e ha un cofanetto che lo protegge dal superlavoro a cui ogni giorno viene sottoposto, tra farina, zucchero, uova, e pentole che friggono e sobbollono. Esperti e inesperti troveranno tutto ciò che c’è da sapere sulla cucina, con i primi due capitoli dedicati all’organizzazione, la spesa, la dispensa, gli utensili, le cotture, le nozioni di base sui vini da abbinare, insieme a brodi, salse, sughi, paste fresche, impasti dolci e lievito madre, ma anche alle nuove tecniche di cottura, con ricette classiche e creative, proposte finger-food e green. Immancabile nella nostra libreria.“Il Cucchiaio d’Argento 11° edizione” Editoriale Domus / prezzo 49€ / Pagine 1320

Alla scoperta della tavola di D’Annunzio

Un libro sulle abitudini alimentari di Gabriele D’Annunzio che è già alla quinta edizione e ogni volta si arricchisce di nuovo materiale che Enrico De Carlo l’autore, riesce sempre a reperire solo lui sa dove. Tra le sue pagine un D’Annunzio inedito, solitario,riflessivo, malinconico e attaccatissimo alla sua terra, l’Abruzzo. Fonti inedite incrementano di note intime e inattese ciò che si conosceva del poeta, attraverso interessantissimi carteggi intrattenuti con scrittori, politici, imprenditori e amici abruzzesi, che ci rivelano un D’Annunzio a tratti fragile, con una lirica lieve e profonda, capace di entusiasmare al pari delle sue opere. Le lettere, i memorandum, le opere del Vate, attentamente scandagliate alla ricerca dei cibi che amava di più, ci svelano che non era poi così parco come amava descriversi e ci restituiscono un poeta fortemente legato alle sue origini, lieto di ricevere posta (e specialità tipiche) da quell’Abruzzo autentico e sodale che saprà essergli vicino fino agli ultimi giorni di vita. Per riscoprire un D’Annunzio diverso e gourmet. “Gabriele D’Annunzio e la gastronomia della memoria”

Viaggi nelle trattorie italiane

Viaggio nelle trattorie italianeTredici storie che parlano di tradizione, raccolte in un volume a cura dell’associazione Premiate trattorie italiane, fondata da Federico della “Crepa”, Sergio della “Brinca”, Alberto di “Amerigo”e Avgustin della “Devetak”. La coinvolgente prosa di Sara Favillae le pregevoli immagini di Lido Vannucchi, ci accompagnano alla scoperta della più vera cucina regionale Italiana insieme ad alcuni iconici protagonisti e ci racconta storie di territori, famiglie, ingredienti unici e ricette millenarie che punteggiano la penisola dalle Alpi al tacco. Il volto scolpito dei protagonisti esprime passione e voglia di condividere i saperi tramandati da generazioni e invita ad andare a trovarli. A Savigno dall’88 c’è Alberto Bettini,il nipote del fondatore Amerigo Vespucci, che apri la storica in-segna nel 1934. A Levico Terme c’è Boivin, che fino a quaran-t’anni fa era una cantina, un’insegna guidata da Riccardo Boscoche ha preso le redini da papà Giancarlo. “Premiate trattorie italiane”Gambero Rosso Editore / prezzo 26€ / pagine 247

Alberto Capatti, storico della gastronomia e primo rettore del-l’Università di Scienze Gastronomiche di Pollenzo, getta una luce nuova sul primo gastronomo italiano, investigando sulle tre vite che visse Pellegrino Artusi, quella che scrisse di suo pugno nel-l’autobiografia del 1903 che narra la sua giovinezza, una seconda che riguarda gli anni di intensa attività culturale dal 1861 al 1891che sfocierà inaspettatamente nel famoso ricettario, e la terza dove Capatti esplora il ventennio vissuto da Artusi dal 1891 al1911 quando arrivano il successo, le quindici ristampe aggiornate curate personalmente dallo scrittore romagnolo e la fittissima corrispondenza con i lettori. Un libro da leggere tutto d’un fiato,dove la genesi della celeberrima guida che diventerà un capo-saldo nazionale, si mescola con arguzia alle vicende private dell’autore.”Pellegrino Artusi, il fantasma della cucina italiana”, di Alberto Capatti. Mondadori / prezzo 17,90€ / pagine 214

Cucinare a casa il cibo d’asportoDurante i mesi di permanenza forzata a casa abbiamo ripresoa cucinare e quando non avevamo voglia di metterci ai fornelliabbiamo scoperto il delivery, declinato in mille forme e modalitàcompreso quello stellato. Sempre attenta alle nuove tendenzeEditoriale Domus esce in libreria con un volume sul food deli-very con cui possiamo cucinare tutti i piatti che normalmenteordiniamo d’asporto. Con ‘Cucina a domicilio’ i piatti tipici edetnici non avranno più segreti, e potremo preparare in meno ditrenta minuti dai noodles al poké, dalla pizza, alla pasta, agli ham-burger, ai dolci, attraverso una narrazione facile e intuitiva.”Cucina a domicilio”Editoriale Domus / prezzo 19€ / pagine 141

Le tre vite di Pellegrino Artusi

Alberto Capatti, storico della gastronomia e primo rettore del-l’Università di Scienze Gastronomiche di Pollenzo, getta una lucen uova sul primo gastronomo italiano, investigando sulle tre vite che visse Pellegrino Artusi, quella che scrisse di suo pugno nel-l’autobiografia del 1903 che narra la sua giovinezza, una seconda che riguarda gli anni di intensa attività culturale dal 1861 al 1891che sfocierà inaspettatamente nel famoso ricettario, e la terza dove Capatti esplora il ventennio vissuto da Artusi dal 1891 al1911 quando arrivano il successo, le quindici ristampe aggiornate curate personalmente dallo scrittore romagnolo e la fittissima corrispondenza con i lettori. Un libro da leggere tutto d’un fiato,dove la genesi della celeberrima guida che diventerà un capo-saldo nazionale, si mescola con arguzia alle vicende private del-l’autore.”Pellegrino Artusi, il fantasma della cucina italiana”, di Alberto Capatti. Mondadori / prezzo 17,90€ / pagine 214

Alla scoperta delle enoteche d’Italia

Ecco dove scegliere la bottiglia più giusta per la nostra cena. Consultando la Guida alle Enoteche D’Italia del Gambero Rosso po-tremo fare la scelta più giusta lasciandoci guidare alla scoperta delle migliori insegne d’Italia, grazie all’autorevole parere di una folta schiera di ispettori in incognito, che ha battuto la Penisola da Nord a Sud. Un volume che non c’era, con 400 indirizzi, le enoteche classiche, le storiche, i negozi a tema ‘vini naturali’, insieme ai migliori corner GDO e alle enoteche on-line, ma anche a dettagliate informazioni sulla storia del locale e dei gestori, sulla varietà delle bottiglie ed eventuali specializzazioni nell’assorti-mento attraverso aree geografiche vocate dell’Italia e del mondo.“Enoteche d’Italia”Gambero Rosso / prezzo 9,50€ / pagine 312 / formato…

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.